• Aquasan s.r.l.

SOSTENIBILITA' : Cosa significa e cosa si può fare per vivere in modo più sostenibile?

Il concetto di sostenibilità sta diventando uno degli argomenti più discussi negli ultimi anni, si parla di "green solutions", "green living" e di ecologia, senza però comprendere il concetto "puro" di sostenibilità. Ecco in seguito qualche spunto e riflessione!


Cosa significa "essere sostenibili "?


Il concetto di sostenibilità è stato introdotto per la prima volta nel corso della prima conferenza ONU sull’ambiente nel 1972, anche se soltanto nel 1987, con il rapporto Brundtland si definisce lo sviluppo sostenibile come “lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i propri”. Significa pertanto spronare una crescita economica che migliora la qualità della vita nel rispetto dell’ecosistema e senza andare a gravare sulle future generazioni. Il modello di riferimento è chiaramente quello dell’economia circolare, che non produce scarti o rifiuti non necessari, a differenza dell'attuale sistema economico lineare, ma riutilizza costantemente le risorse, senza sfruttarne di nuove.

Secondo il WWF, nel suo “Living Planet Report ”, significa imparare a vivere nei limiti di un solo pianeta. Quindi lo sviluppo sostenibile è la capacità della nostra specie di riuscire a vivere, in maniera dignitosa ed equa per tutti, senza distruggere i sistemi naturali da cui traiamo le risorse per vivere e senza oltrepassare le loro capacità di assorbire gli scarti e i rifiuti dovuti alle nostre attività produttive.


I tre pilastri della sostenibilità: ambientale, sociale ed economica.


I pilastri della sostenibilità sono 3, come individuato nel 2005 dal Summit mondiale sullo sviluppo sostenibile, quando sono stati individuati gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.

Sviluppo sociale, sviluppo economico e difesa dell’ambiente sono tre cardini chiave per uno sviluppo che possa garantire il benessere all’umanità, di oggi e di domani.

  • Sostenibilità ambientale - garantire la disponibilità e la qualità delle risorse naturali sulla Terra, che devono essere rispettate e non sfruttate e garantite a tutta l’umanità e non solo a una cerchia ristretta.

  • Sostenibilità sociale - inteso come capacità di garantire condizioni di benessere umano (sicurezza, salute, istruzione, democrazia, partecipazione, giustizia) equamente distribuite per classi e genere.

  • Sostenibilità economica - garantire efficienza economica e reddito per le imprese a ogni livello.

Da questa prospettiva, diviene chiaro che il punto d’incontro dei tre ambiti e dei tre approcci alla gestione dello spazio vivibile prenda la definizione di sostenibile: unendo tutte e tre le prospettive si può giungere a una gestione sostenibile dell’intero sistema o dell’intera comunità di riferimento.

La sostenibilità è un concetto che deve essere perseguito attraverso un percorso lungo e costante, tenendo sempre conto della sua sfera "tridimensionale".

Da queste basi, si possono tuttavia effettuare ulteriori distinzioni in due tipologie:

  • sostenibilità forte: parliamo di sostenibilità forte se si ammette che il capitale da tramandare alle generazioni future possa essere solo “naturale”, cioè che sia derivante esclusivamente da risorse naturali;

  • sostenibilità debole: parliamo di sostenibilità debole se si ammette che il capitale naturale da tramandare possa essere sostituito da “capitale manufatto”, cioè creato dall'uomo.


Pillole per un vivere sostenibile!


1. BYE BYE PLASTICA

La plastica monouso può essere molto dannosa per la salute del nostro ambiente. Negli ultimi anni diverse campagne di sensibilizzazione hanno aiutato i consumatori ad essere più consapevoli dei danni che può provocare una dispersione irresponsabile della plastica nell’ambiente, soprattutto negli ecosistemi marini.

Adottare uno stile di vita plastic-free può essere la soluzione. Utilizza sempre piatti e bicchieri di vetro, spugne in luffa, utilizza sacchetti riutilizzabili quando fai la spesa, preferisci i prodotti sfusi e solidi come lo shampoo e il balsamo, il detersivo in fogli per lavatrice, cannucce riutilizzabili e tutto ciò che garantisce una certa sostenibilità del prodotto e con un packaging ecologico.

Di addio alle bottiglie di plastica, l'oggetto inquinante più presente nel mondo e negli oceani. Non serve investire in impianti costosi con grosse manutenzioni. Grazie a semplici filtri sopra o sotto lavello fai da te, potrai bere l’acqua, in partenza già buona, direttamente dal rubinetto di casa tua, senza ripercussioni sull’ambiente e sulla tua salute, grazie alla filtrazione di microplastiche e agenti inquinanti.


2. BENVENUTO RICICLO

Il riciclaggio è uno dei mezzi più potenti per garantire che i prodotti che non utilizziamo più vengano trasformati in qualcosa di utile. Con il riciclo si riduce la quantità di materiale destinato alla discarica e l'inquinamento dovuto allo smaltimento di rifiuti. Purtroppo non tutti si sento motivati a riciclare, spesso non si sa da che punto partire. Mettersi in gioco è tuttavia molto semplice e può risultare anche molto benefico per il lato creativo che vive in ognuno di noi! Sfoglia le pagine di Aquablog per scoprire l'articolo dedicato al riciclo creativo!


3. ENERGIA, UN FUTURO LUMINOSO

Sprecare l’energia è un altro modo per contribuire all’inquinamento del pianeta. Siamo nell’era delle nuove tecnologie e il concetto di risparmio energetico è spesso associato a risparmio economico, ma è molto più di questo. È difficile pensare di non consumare energia nella nostra giornata: ogni gesto quotidiano è accompagnato da un consumo di energia. Tuttavia, grazie al alcuni accorgimenti, ci è possibile limitare il dispendio di energia.

Quale esempio può essere: spegni le luci, stacca le spine, usa lampadine a basso consumo energetico, Fai il bucato nelle fasce orarie più economiche.




#sustainable #greenliving #aquasan

2 visualizzazioni

©2020 di Aquasan-Shop. Creato con Wix.com